Questo sito utilizza cookies di profilazione, proprie e di terze parti per fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi accettate le cookies qui menzionate.

  • 1

La storia

 

Lo stabilimento di Trissino, vicino Vicenza, nasce nel 1965. Lo costruisce la società Rimar, acronimo di Ricerche Marzotto. Nasce dunque per fare ricerca nell’ambito dello sviluppo della famosa azienda tessile. Qui vengono studiate e prodotte sostanze perfluorurate per rendere i rivestimenti tessili idro e olio-repellenti. La ricerca Rimar è all’avanguardia nel mondo.

Negli anni successivi Rimar sviluppa un elevato livello di specializzazione, a fianco del laboratorio nasce l’impianto industriale ElectroChemical Fluorination che ha permesso all’azienda di diventare protagonista della ricerca e del mercato internazionale.

Il passo successivo è stato quello di entrare nella produzione degli intermedi fluorurati per le applicazioni farmaceutiche e agro-chimiche, attraverso la tecnologia dello scambio alogeno di fluorurazione, usato per produrre benzotrifluoruri, contestualmente è stata sviluppata la tecnologia per produrre diazotazione fluoro-aromatica.

Nel 1988 Enichem e Mitsubishi, riconoscendo l’eccellenza del centro ricerche e dello stabilimento, lo acquisiscono attraverso una joint venture e lo trasformano in MitEni.
Nel 1996 Mitsubishi Corporation rileva tutte le quote dell’azienda divenendone unica proprietaria.

Mitsubishi investe molto nella ricerca, mantenendone l’eccellenza. La produzione utilizza i più elevati standard tecnici grazie anche al know how del colosso giapponese. La presenza capillare di Mitsubishi nel mondo ha permesso a Miteni di cogliere le opportunità emergenti nel mercato degli intermedi fluorurati, a qualsiasi livello e in ogni continente.

Nel febbraio 2009 International Chemical Investors Group rileva interamente Miteni che entra a far parte di un gruppo industriale composto da 16 aziende chimiche, operanti in tutto il mondo nel campo della chimica di base, chimica fine e polimeri.

 

 storia trac info grafica

 

 

La collaborazione con le istituzioni

 

L’azienda ha sempre collaborato per una maggiore conoscenza dellle molecole fluorurate divenendo un punto di riferimento a livello mondiale per queste sostanze.
Nel 1995 Miteni ha iniziato a partecipare agli incontri che si tenevano presso la sede CEFIC di Brussels dai produttori di materie plastiche (APME Association of Plastics Manufacturers in Europe - oggi Plastic Europe).

Nell’ambito della partecipazione ai gruppi di lavoro ha promosso alcuni dei test tossicologici eseguiti su APFO/PFOA.

Nel 2001 Miteni ha proseguito nella partecipazione alle attività di Plastic Europe sul “APFO/PFOA Risk evaluation”, supportando anche alcuni test eco-tossicologici i cui risultati sono stati pubblicati su diverse riviste scientifiche.

Nel 2007 Miteni ha aderito al progetto richiesto e promosso dal ministero dell’Ambiente tedesco che aveva per obiettivo l’elaborazione di un documento “PFOA/APFO Risk Assessment” da sottoporre alla valutazione OECD.

A conclusione di una decennale attività come medico Competente in Miteni, il prof. Costa ha esposto durante il “Workshop Perfluorooctanoic acid” (tenutosi in Inghilterra presso “The British Toxicology Society”) la sintesi della lunga fase della sorveglianza sanitaria degli esposti al PFOA/APFO con un intervento su ”Toxicokinetics and mechanism of Toxicity”.

L'aziende ha sempre collaborato con il CNR e l’Istituto superiore di sanità dando il proprio contributo per lo studio, la determinazione dei sistemi analitici e degli effetti dei derivati del fluoro nell’ambiente e negli organismi.


Per approfondire:

Giorgio Roverato: Dalla Marzotto alla nascita dell’Area Sistema


01 storia02 storia03 storia04 storia05 storia06 storia